Casi positivi, isolamenti e quarantene: cosa c’è da sapere

Casi positivi

Come viene fatta la presa in carico?

Per attestare la positività al coronavirus, dunque per eseguire la diagnosi, è sufficiente un tampone antigenico fatto nei laboratori autorizzati (come Medlavitalia) o in farmacia.

L’esito positivo del tampone antigenico è comunicato direttamente all’Ausl a cura dalle farmacie o dai laboratori accreditati. Con l’avvenuta comunicazione, i casi vengono così presi in carico dal Dipartimento di Sanità pubblica.

 

Durata dell’isolamento domiciliare

L’isolamento domiciliare è una misura destinata alle persone affette da Covid, che vengono separate da quelle sane per impedire la diffusione dell’infezione «durante il periodo di trasmissibilità».

La durata e le modalità del periodo di isolamento sono differenziate in base al proprio stato vaccinale:

  • per i non vaccinati o i vaccinati con due dosi o con dose unica da più di 120 giorni o per i guariti da più di 120 giorni l’isolamento dura 10 giorni con un test antigenico o molecolare negativo alla fine del periodo
  • per i vaccinati con 3° dose booster o i vaccinati con due dosi o con dose unica da meno di 120 giorni o per guariti da meno di 120 giorni l’isolamento dura 7 giornicon un test antigenico o molecolare negativo alla fine del periodo

In caso di sintomi il test finale dovrà essere eseguito dopo 3 giorni dalla scomparsa dei sintomi.

In tutti i casi se il tampone finale continua a risultare positivo si può comunque uscire dall’isolamento dopo 21 giorni, ma solo a patto che nell’ultima settimana non si siano verificati sintomi.

 

I tamponi di guarigione

I tamponi di guarigione antigenici o molecolari vengono programmati dall’Ausl ma dal 10 gennaio possono essere effettuati anche presso i laboratori autorizzati (come Medlavialia) oppure in farmacia. I tamponi in farmacia sono a carico del Servizio sanitario, mentre nei laboratori autorizzati sono a carico del cittadino.

 L’esito negativo conclude l’isolamento (non è dunque necessario il certificato di guarigione). In attesa di ricevere il certificato di guarigione dall’Ausl, il risultato negativo del test  può essere esibito dal cittadino in occasione di eventuali controlli.

 

Come riottenere il green pass quando si torna negativi

Dal 5 gennaio è sufficiente l’esito negativo del tampone antigenico o molecolare.

 

Terza dose 

I dati attualmente disponibili indicano che per le persone che hanno contratto l’infezione dopo un ciclo completo o dopo 14 giorni dalla somministrazione della prima dose, è indicata la somministrazione di una dose di richiamo (booster) purché sia trascorso un intervallo di almeno quattro mesi (120 giorni) dall’ultimo evento (da intendersi come diagnosi di avvenuta infezione).

 

Contatti stretti dei casi positivi

Quarantena

La quarantena è una misura destinata ai contatti stretti di una persona positiva al covid e ha lo scopo di monitorare eventuali sintomi e identificare subito nuovi casi.

Non si applica la quarantena (e quindi non viene notificata alcuna certificazione da parte dell’Ausl) ai contatti asintomatici che, pur essendo entrati in contatto con un caso positivo, rientrano nelle seguenti categorie:

  • persone vaccinate con dose booster
  • persone che hanno completato il ciclo vaccinale primario non oltre i 120 giorni precedenti
  • persone guarite da infezione da SARS-CoV-2 non oltre i 120 giorni precedenti

 

Chi rientra in queste casistiche deve indossare la mascherina FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultimo contatto avuto con la persona positiva e porsi in auto-sorveglianza per 5 giorni. 

Si precisa che in assenza di disposizione di quarantena da parte dell’AUSL i contatti non riceveranno la comunicazione di inizio e fine quarantena.

 

La quarantena si applica con le seguenti modalità: 

  • Quarantena di 10 giornicon tampone molecolare o antigenico negativo al termine del periodo per le persone non vaccinate o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario, e che l’abbiano completato da meno di 14 giorni.
  • Quarantena di 5 giornicon tampone molecolare o antigenico negativo al termine del periodo per persone che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, con green pass valido, asintomatici.

Se compaiono sintomi

Alla prima comparsa dei sintomi è necessario contattare il proprio medico o pediatra per richiedere l’esecuzione del tampone. Se si risulta negativi ma si è ancora sintomatici, il tampone deve essere ripetuto al 5° giorno successivo all’ultimo contatto stretto avuto con la persona positiva. Anche in questo caso è necessario contattare il proprio medico o pediatra per richiedere l’esecuzione del tampone.

 

Tamponi di fine quarantena

Il test antigenico rapido o molecolare di fine quarantena per le persone asintomatiche può essere effettuato presso i i laboratori autorizzati (come Medlavitalia) o presso le farmacie. I tamponi in farmacia sono a carico del Servizio sanitario, mentre nei laboratori autorizzati sono a carico del cittadino.  La trasmissione dell’esito viene inviata dalla farmacia o dal laboratorio al Dipartimento di Sanità pubblica.

Autotesting (per regione Emilia Romagna)

Al momento in caso di positività rilevata con un self-test antigenico rapido nasale il cittadino non può recarsi in farmacia ne in un laboratorio specializzato, ma deve rivolgersi al proprio medico curante per valutare la presenza di sintomi e la conseguente procedura da attivare. Dal 17 gennaio ci sarà la possibilità di registrare su un apposito portale della Regione Emilia Romagna i risultati dell’autotest, avviando immediatamente il periodo di isolamento. In questo caso, potrà essere utilizzato solo uno dei test rapidi validi in farmacia. Inoltre, le persone che potranno ricorrere a questa opportunità dovranno rientrare nelle seguenti casistiche: avere già ricevuto la seconda dose vaccinale, indipendentemente dalla data della somministrazione; avere attivato il Fascicolo sanitario elettronico (FSE) o, nel caso di minori, essere associati al FSE del genitore. Il caricamento dell’esito avverrà attraverso l’inserimento della foto con il risultato del test, la scelta del test usato dall’elenco di quelli validi, notizie sul comportamento da tenere in caso di comparsa di sintomi, quelle sul tipo di certificato che verrà inviato sul FSE da parte dei Dipartimenti di sanità pubblica.

 

Data: 12 Gen 2022
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© MedLavItalia - Direttore sanitario: Dott.ssa Paola Carta - p.iva/c.f. 02513020343 Capitale sociale i.v. 100.000,00 euro - Reg. delle Imprese di Parma - REA n. 244724